Il cuore della scuola

Giornalino scolastico – IC Lacchiarella – Zibido San Giacomo – in collaborazione con ABC musica

Il migliore amico …

Written By: editor02 - Feb• 21•17

L’amicizia è un sentimento di affetto reciproco, di simpatia, di solidarietà tra due o più persone. Viene intesa e percepita come un rapporto alla pari, basato sul rispetto, la sincerità, la fiducia, la stima e la disponibilità reciproca.
Il tema dell’amicizia è oggetto di testi letterali, canzoni e produzioni cinematografiche.

Il migliore amico ...

Il migliore amico/a è la persona con cui ci si sente più a proprio agio, ci si sente protetti e amati, ci si sente al centro della sua attenzione. Questo è essere amici del cuore! L’amico deve essere imparziale, obbiettivo, deve criticarci  e correggerci. Non a caso l’amicizia è la forma più alta dell’amore.

Il migliore amico/a deve farti sentire importante e speciale, deve sapere quando porgerti la spalla, deve dimostrarti che, anche se non ne dà tanta prova, per lui sarai sempre una persona unica e insostituibile. Lui ci sarà sempre per te e tu ci sarai sempre per lui, non importa la distanza, il vostro rapporto supererà di gran lunga tutte le altre amicizie perché è semplicemente lui, è quello che non è per nulla paragonabile agli altri, lui è quello che ti protegge da qualunque cosa, lui è quello alla quale importa davvero di te. E’ l’unica persona che ti chiede come stai perché gli interessa davvero.

Un consiglio 

Attenzione però, anche l’amicizia, come l’amore, prima di essere tale ha bisogno di tempo, conoscenza!
Non date troppa confidenza all’inizio, cercate di capire chi avete di fronte! Osservate  gesti, comportamenti.

Una canzone 

GIORGIA – “CHE AMICA SEI”

Che amica sei
non tradirmi mai
gli amori vanno tu resterai
Che amica sei
chiama quando vuoi
se hai bisogno di ridere un po’
Passa il tempo volando
noi aspetteremo qui
tra un segreto e l’altro
fidati di me
io mi fiderò di te
e stare ore a parlare
e raccontarsi di noi
io ti sto vicina
non sarai sola mai
Che amica sei
vuoi scappare dài
andiamo lontano,
non lo faremo mai
Che amica sei
non cambiare mai
se chiedo una mano
so che ci sei
Passa il tempo volando
noi aspetteremo qui
tra un segreto e l’altro
fidati di me
io mi fiderò di te
e stare ore a parlare
e raccontarsi di noi
io ti sto vicino
non sarai sola mai
Passa il tempo volando
noi aspetteremo qui
tra un segreto e l’altro
fidati di me
io mi fiderò di te
e stare ore a parlare e raccontarsi di noi
e stare ore a parlare e raccontarsi di noi
io ti sto vicino
non sarai sola mai
sola mai
che amica sei.

 

 

.

Anna&Sara

Il Pastafarianesimo: la religione che venera il Prodigioso Spaghetto Volante

Written By: editor01 - Feb• 13•17

[ATTENZIONE!] Questo articolo è stato scritto a puro scopo di intrattenimento. Non intendiamo offendere nessuno con queste parole. Buona lettura!

Il Pastafarianesimo (Flying Spaghetti Monsterism o Pastafarianism in inglese) è una religione creata da Bobby Henderson per protestare contro la decisione del consiglio per l’istruzione del Kansas di insegnare il creazionismo nei corsi di scienze come un’alternativa alla teoria dell’evoluzione.

Questa religione ha avuto larga diffusione su Internet riunendo molti seguaci del Prodigioso Spaghetto Volante, che si fanno chiamare pastafariani e rivendicano di essere stati toccati dalla “sua spaghettosa appendice” (in inglese His Noodly Appendage).

Dogmi

  • L’Universo è stato creato da un invisibile e non rilevabile Prodigioso Spaghetto Volante, quando questi era in preda a una marcata intossicazione alcolica (si suppone che sia questo il motivo di un Creato imperfetto).
  • Tutte le prove a sostegno della tesi evoluzionistica sono state intenzionalmente impiantate da questo essere per mettere alla prova la fede dei Pastafariani.
  • Quando sono effettuati test scientifici come il metodo del Carbonio 14 il Prodigioso Spaghetto Volante interviene modificando i risultati mediante la Sua Spaghettosa Appendice.
  • Il riscaldamento globale, i terremoti e gli uragani e gli altri disastri naturali sono conseguenza diretta della diminuzione del numero dei pirati fin dal XIX secolo. È stato fornito un grafico che prova la proporzionalità inversa tra il numero dei pirati e la temperatura globale.  Nel 2008, Henderson interpretò l’incremento delle attività piratesche nel Corno d’Africa come un’addizionale prova empirica di tale dogma, visto che la Somalia possiede il più grande numero di pirati ed è al contempo la nazione che emette la minore quantità di anidride carbonica.
  • Bobby Henderson è il “profeta” di questa religione.

Codici di Condotta

  • Le preghiere terminano con la parola “Ramen” (Il Ramen è una varietà di spaghetti giapponese).
  • I seguaci sono tenuti a indossare un vestito da pirata.
  • Il Pastafarianesimo possiede le proprie regole comportamentali (i condimenti), dettati dal Prodigioso Spaghetto Volante al Prescelto Capitano Pirata, detentore delle 8 tavole contenenti gli 8 condimenti il cui incipit è: “Io preferirei davvero che tu evitassi”

Gli otto ”Io preferirei davvero che tu evitassi”

Riporto, di seguito, i condimenti più leggeri

  • Io preferirei davvero che tu evitassi di giudicare le persone per come appaiono, o per come si vestono, o per come camminano, o, comunque, di giocare sporco, va bene? Ah, e ficcati questo nella tua testa dura: Donna = Persona. Uomo = Persona. Tizio noioso = Tizio noioso. Nessuno è meglio di un altro, a meno che non stiamo parlando di moda e, mi spiace, ma ho dato questo dono alle donne e a qualche uomo che capisce la differenza fra magenta e fucsia.
  • Io preferirei davvero che tu evitassi di assumere comportamenti che offendano te stesso, o il tuo partner. Per chiunque avesse qualcosa da obiettare, penso che l’espressione corretta sia “Andate a quel paese”, a meno che tale espressione non sia ritenuta troppo offensiva. Nel qual caso possono spegnere la TV e andare a farsi una passeggiata, tanto per cambiare.
  • Io preferirei davvero che tu evitassi di sfidare, a stomaco vuoto, le idee odiose, bigotte e misogine degli altri. Mangia, e solo dopo prenditela con gli altri.
  • Io preferirei davvero che tu evitassi di fare agli altri quello che vorresti fosse fatto a te in, ehm situazioni ambigue.

Non tutti i condimenti sono “light”… Alcuni sono più difficili da digerire perché scavano nel profondo della vita degli uomini.

Un pastafariano che si rispetti dovrebbe essere accogliente nei confronti dei seguaci di altre religioni, astenersi dall’usare la propria fede come pretesto per opprimere o sottomettere altri uomini, evitare di spendere troppo denaro per celebrare se stesso e il Prodigioso Spaghetto Volante – scegliendo di devolvere le risorse nei confronti delle persone svantaggiate – assumere un atteggiamento umile nella consapevolezza che nessun fedele è più importante di un altro.

A.F. & S.T.

Gruppo di lettura per adolescenti

Written By: editor01 - Feb• 06•17

A Zibido sono aperte le iscrizioni per il Gruppo di Lettura per Adolescenti della Biblioteca comunale.

Per tutti gli appiassionati lettori  è un’occasione per incontrarsi, in un pomeriggio scelto collettivamente, parlare e confrontarsi su un libro deciso assieme. Ci si scambieranno pensieri, idee e opinioni.

L’iscrizione è gratuita.

Clicca qui e scarica il modello da compilare e consegnare in biblioteca. Non perdere quest’occasione!

Sara & Alessia

Jean-Michel-Basquiat

Written By: editor05 - Feb• 02•17

Basquiat è un artista famoso per la sua arte astratta.

Alcuni dei suoi quadri si trovano esposti al MUDEC di Milano fino al 22/02/2017. La mostra è curata da Jeffrey Deitch e da Gianni Mercurio ed è stata promossa dal comune di Milano  e 24 ORE CULTURA, presenta lavori realizzati dal 1980 al 1987,  provenienti dalla collezione di Yoses Murgavi e da raccolte internazionali.

Basquiat è di origine afro-americana ed  è tra i protagonisti della scena Newyorkese degli anni 80’. Conosce presto un grande successo internazionale. Celebrato dalla critica e dalle quotazione che il mercato dell’arte gli attribuisce, Basquiat esordisce tracciando graffiti sui muri e firmandosi “Samo”, una parola che racchiude una sorta di filosofia Underground espressa con scritte, aforismi e poesie. Molti interpretano i suoi quadri come schizzi che anche un bambino piccolo potrebbe riuscire a disegnare. In realtà, rappresentano un mondo sospeso tra innocenza e disincanto, visionarietà e presa di coscienza sociale. L’arte di Basquiat colpisce per i colori che usa nei e il significato che egli attribuisce alle sue opere.

Alessandra B. II H

Il Giralibro: la fine è nota!

Written By: editor01 - Gen• 23•17

La Scuola Secondaria di Primo Grado di Zibido san Giacomo è iscritta al concorso ”Il Giralibro”, che promuove la lettura nelle scuole. Per partecipare bisogna scrivere un breve testo che segua la traccia data.

Per l’anno scolastico 2016/2017 è necessario scrivere una storia a piacere, in totale libertà, purché finisca con uno dei tre finali proposti.

  1. …dopo che ebbe finito di parlare, prese le sue cose e se ne andò, per non tornare mai più.
  2. …fuori continuava a piovere senza sosta, ma d’ora in poi questo non sarebbe più stato importante per loro.
  3. Aveva fatto, finalmente, quello che aveva sempre sognato, e presto tutti lo avrebbero saputo, ma non aveva paura.

I risultati vengono decretati da una giuria e i primi tre classificati, più altri selezionati, saranno premiati con libri e attestati.

Potete consegnare gli elaborati alla Prof. ssa Marra entro e non oltre il 15 febbraio.

Alessia F., Anna P., Francesco C. IIH

Escher in mostra a Milano

Written By: editor01 - Gen• 16•17

Fino al 22 Gennaio rimarrà aperta al Palazzo reale di Milano la mostra sulle opere di M. C. Escher, incisore e grafico olandese. Noi siamo andati a visitarla e ci è apparsa affascinante. Si possono osservare opere famose come ”Mano con sfera riflettente”,”Casa di scale” e ”Metamorfosi”.

Durante la mostra ci sono varie zone interattive dove è possibile scattare delle fotografie. L’esposizione si divide in sei zone, in cui sono esposte più di 200 stampe.

Il percorso parte dalla giovinezza di Escher e delle sue prime opere fino ad arrivare al suo periodo di massimo riconoscimento artistico.

Spazio Autori

– Ciò che più mi ha colpito della mostra è stata l’accuratezza delle incisioni, tutti i dettagli, anche i più piccoli come le venature del legno, ombre e luci. L’opera a mio parere più bella, invece, è Metamorfosi.   (Alessia F.)

– La mostra è molto accattivante, la cosa che mi ha stupito maggiormente è aver scoperto che Escher viaggiò moltissimo in Italia, dichiarando di avervi trascorso gli anni migliori anni della sua vita. (Edoardo M.)

Noi vi consigliamo di andare a vederla, fate ancora in tempo!

Edoardo M. e Alessia F.

L’Italiano, questo sconosciuto!

Written By: editor01 - Gen• 16•17

Sempre più spesso nel nostro paese si sentono persone, soprattutto giovani, parlare una delle lingue più affascinanti e complesse presenti sul nostro pianeta in maniera sbagliata.
Sempre più spesso congiuntivi, condizionali e regole grammaticali vengono errati e ignorati.
Sempre più spesso alcune parole della nostra lingua vengono dimenticate e cadono in disuso, venendo rispolverate solo se si incappa in esse tra le pagine di un libro, magari un’enciclopedia utilizzata per un compito scolastico.

E allora, perché non andare a scoprire queste magnifiche parole? Perché non provare a comprendere meglio l’Italiano, questo sconosciuto?
Ci sono un sacco di termini con significati che possono sorprenderci, sinonimi assurdi e strani e parole di uso comune che spesso è anche divertente riscoprire.
Quanti di voi conoscono parole desuete come vetusto, appropinquare, pedestre, alacre e sicumera?
E sono solo cinque! Cinque parole in un dizionario come cinque gocce in un oceano.

Perché l’Italiano, con la I maiuscola, ha migliaia di parole, così tante che è impossibile conoscerle tutte e noi ne usiamo normalmente solo una minima parte, circa 2000. Possono sembrare tante, ma sono veramente poche.
Il mio invito non è quello di passare la notte sul vocabolario per imparare più termini possibili, ma quello di essere curiosi nei confronti di una lingua dalle quale non smetteremo mai di imparare, la lingua della poesia e dei grandi maestri, come Dante e molti altri.

Alessia F. II H

 

 

 

Dal cuore del CCR

Written By: webmaster - Mag• 06•16

Consiglio Comunale Ragazzi aprile 2016

Eccoci finalmente : il CCR scrive il primo articolo

Con un po’ di batticuore.. avendo molto a cuore, il cuore della scuola 🙂

 

Proprio per questo una delle nostre campagne informative vede proprio il giornalino come soggetto fondamentale per tenerci informati, scambiare opinioni, notizie, utilità o curiosità

ci sembra un ottimo sistema di rimanere tutti inrete ..senza rimanerne irretiti !!

 

Stiamo preparando una mostra artistica che appenderemo lungo il corridoio che porta in mensa , il nostro STOP AI BULLI ci accompagnerà mentre ci riuniamo tutti insieme …siamo sicuri che ci può essere un modo migliore per stare insieme, per divertirsi in compagnia, per crescere nell’amicizia e nel rispetto, per sentirsi unici e tutti ugualmente importanti e lo vogliamo trovare insieme !

Lotta al bullismo e agli atti vandalici uno dei primi impegni del nostro mandato: abbiamo bisogno di tutti voi !

Capiterà quindi di trovare cartelloni , scritti e manifesti affissi per la scuola : leggeteli e diteci cosa ne pensate  🙂 dateci suggerimenti, idee e proposte !

 

Saremo in piazza il 29 maggio in occasione della Festa del Riso

Un’ottima occasione per conoscerci meglio, passate a trovarci stiamo preparando giochi , sorprese e delizie !!

 

Per rimanere in tema di festa cominciamo a pensare alla

 

😛  festa di fine scuola 😛

 

come l’anno scorso la festa delle medie prevede un talent a sfide,

e ce ne saranno per tutti, quindi affinate le vostre qualità…la velocità, l’attenzione, la memoria, il canto, il salto in alto, la matematica, il tiro alla fune, raccontar barzellette, danzare, recitare…in che cosa ti vuoi cimentare ?

Alcune sfide saranno a sorpresa , preparate da noi, ma quali nuovi talenti emergeranno ? 😀

 

A presto amici,

i vostri consiglieri

 

Il favoloso Leicester

Written By: lorenzo.marco - Apr• 20•16

leic2

Il calcio è emozione, poesia, passione, sorpresa. E’ così che possiamo definirla questa squadra che si sostiene su tutte quelle caratteristiche che rendono splendido questo sport, aggiungendoci il cuore e l’ anima della gente e di una piccola città che costituisce l’orgoglio nazionale inglese.  Si,  stiamo proprio parlando del Leicester. Leicester è una classica città inglese con villette a schiera, con molti pub e market e proprio tra questi sorge il centro sportivo della squadra-rivelazione dell’ anno.  La  popolazione di questo paesino presenta molte diverse nazionalità al suo interno:  indiani, israeliani, gallesi tutti uniti per sostenere la loro squadra la domenica, infatti fino all’ultima partita lo stadio è sempre stato gremito. La sua cultura multietnica la rende un esempio per tutte le altre città: al suo interno  questa piccola città è un modello di  convivenza tra religioni e persone di diversa nazionalità, infatti l’evento principale è il carnevale caraibico. Non vogliamo fare geografia, ma vogliamo raccontarvi una storia che rimarrà impressa negli anni che verranno. L’ autore di questo “miracolo” in premier league, è il tecnico romano Claudio Ranieri allenatore che ha una filosofia di gioco ben chiara, ma che  nel suo albo non presentava fino ad ora nessun trofeo. In estate questa squadra era stata attrezzata per non retrocedere, invece con organizzazione e lavoro duro, ora hanno conquistato il titolo. Alla base di questa grande stagione, c’è una società solida con dei valori e con degli obiettivi chiari. Lo stadio che ospita le partite di questa squadra è il Foxes Stadium, sempre pieno.

Gli artefici di questa stagione, in ordine sono stati: i portieri Kasper Schmeichel, uno dei meno battuti in Premier, e Mark Schwarzer. I difensori: Robert Huth, Wes Morgan, capitano e anima della squadra capolista, Christian Fuchs, terzino austriaco tra i più esperti, Marcin Wasilewski, Danny Simpson, Robert De laet, Daniel Amartey, Alfred Schlupp. I Centrocampisti: N’golo Kantè, polmone di questo Leicester, Danny Drinkwater, dinamismo puro, Gokhan Inler, Andy King, Marc Albrighton, esterno di fatica, Ryad Mahrez, esterno finora sconosciuto ma adesso sulla bocca di tutti, dotato di un sinistro magico, Demarai Gray, Nathan Dyer, arrivati nei due mercati estivo e invernale, gli attaccanti: Shinji Okazaki, attaccante giapponese acquistato ad agosto, Jamie Vardy, uno dei pilastri di questa squadra nonchè secondo capocannoniere del campionato e vincitore del record di gol, Leonardo Ulloa, attaccante argentino, buona riserva. Non dimentichiamoci dei giovani che danno un gran contributo e che rappresentano il futuro di questa squadra. e siamo certi che alcuni di questi nomi rimarranno sulle prime pagine dei giornali e sulle bocche degli appassionati di calcio ancora per parecchio tempo.

La stagione 2015-2016 ha visto a sorpresa il Leicester capace di insediarsi stabilmente fin dalle prime giornate nei primissimi posti della classifica; l’attaccante Jamie Vardy inoltre è riuscito  a segnare 13 reti nelle prime 11 partite di campionato, battendo ogni record precedente detenuto da Van Nilsteroy. Alla 17ª giornata i Foxes si portarono in prima posizione e nei primi giorni di febbraio 2016 il Leicester ha consolidato il primato in classifica, portando il vantaggio sulle inseguitrici a 5 punti e riuscendo poi a mantenerlo anche all’inizio del mese di marzo. Il 3 aprile 2016, il Leicester ha inaspettatamente battuto in casa per 1-0 il Southampton, e grazie anche al pareggio per 1-1 del Liverpool contro il Tottenham, seconda in classifica, il Leicester si è portato in vantaggio di 7 punti sulle squadre dietro la capitolista. Nelle giornate seguenti il Leicester ha continuato a infilare risultati utili, mantenendo la prima posizione in classifica e conquistando matematicamente un posto in Champions League. A 3 giornate dalla fine della Premier league, il Leicester si è trovato “magicamente” capolista: il miracolo  si è finalmente avverato:  affrontato lo United, una delle squadre più ricche che ha fallito in questa stagione per assenze importanti, la partita è finita 1-1, grazie al pareggio di testa di Morgan, bandiera e trascinatore di questo club. Il Tottenham doveva ancora giocare, tutta una città attendeva, il Tottenham pareggia il derby consentendo la vittoria del titolo ai foxes. Facendo esplodere un gruppo, una città, migliaia di tifosi di una città piccola che, per un giorno, è diventata il grande centro del mondo calcistico .

leic

Marco caporaso e Rocco Trimboli 3F

con il contributo di Flavio e Matteo 3G

“Questa è scienza…” dal testo all’esperienza

Written By: webmaster - Apr• 13•16

Quest’anno all’interno della scuola media di Zibido, si sta svolgendo un laboratorio scientifico grazie all’iniziativa di alcune docenti di matematica e scienze. Abbiamo pensato, a questo punto dell’anno, potesse essere interessante saperne di più dalla voce dei protagonisti.

L’intervista seguente è stata rilasciata dalla Prof. Chiara Bassi, in collaborazione con la Prof. Laura Donati

1.  Per quale motivo si e’ deciso di fare il laboratorio scientifico?

Noi professoresse di scienze avevamo da qualche tempo l’idea di realizzare un laboratorio scientifico perché abbiamo studiato la scienza sotto diversi aspetti e da questa disciplina siamo ancora oggi abbagliate, incuriosite. Ci siamo allora dette che era riduttivo imparare a conoscere le scienze solo sui libri e così con molta fantasia, visto che la struttura non ci offre grande disponibilità di materiale e un’aula preposta, abbiamo cominciato a pensare come, e s, e si sarebbe potuto realizzare, il tutto pensando di realizzare esperimenti semplici con materiali semplici e poco costosi.

Così abbiamo cominciato, e cerchiamo di attuare, poche e curiose attività di laboratorio.

2.  Descriva le sue opinioni riguardo al laboratorio?

Io credo nel laboratorio perché credo che l’osservazione, la riflessione, la capacità di allestire un esperimento e di interpretare le conclusioni sia un modo per ampliare gli ambiti su cui un ragazzo possa agire. E’ necessario avere pazienza, avere capacità di osservazione, avere delle capacità manuali, avere capacità riflessive per trarre le conclusioni se un esperimento ha avuto successo o altrimenti capire perché è fallito.

3.  Quali oggetti vengono usati maggiormente all’ interno del laboratorio?

L’allestimento di un esperimento prevede “materiali e metodi”, questi vengono portati dai ragazzi o da noi prof., si decide e si studia con i ragazzi l’ambito su cui si vuole indagare e poi si allestisce l’esperimento. La prof. Donati ha sviluppato degli esperimenti sulla cristallizzazione, ha affrontato il tema della fotosintesi. Io con i ragazzi di III H ho affrontato l’argomento “elettricità” e abbiamo costruito dei semplici circuiti elettrici.

4.  Che genere di esperimenti vengono fatti?

Il laboratorio prevede esperimenti molto semplici, essendo un laboratorio in costruzione, non abbiamo un raccoglitore di esperimenti già fatti e provati. Li faremo e scriveremo le nostre esperienze così da redigere un libro degli esperimenti.

5.  In quale ora e giorno viene svolto il laboratorio?

Il laboratorio viene svolto il martedì da me in III ora e dalla prof. Donati in V ora.

6.  A chi è destinato?

In questo momento ad alcune classi del tempo prolungato con modalità diverse.

7.  Quali soddisfazioni per il momento?

Fare laboratorio è sempre interessante e divertente perché non si hanno sempre gli stessi risultati, inizi un’attività e puoi avere sempre un finale diverso.

abbiamo svolto un’indagine fra gli alunni che hanno partecipato al laboratorio scientifico, queste alcune delle opinioni raccolte:

fumetti_Domanda_1fumetti_Domanda_2fumetti_Domanda_3fumetti_Domanda_5fumetti_Domanda_4

Mattia B. , III G